OH MY POP!
ART & DESIGN EXHIBITION
14/11/2019 – 10/04/2020

Nata in Inghilterra e negli Stati Uniti tra gli anni ‘50 e i ’60, la pop art è stata forse l’ultima vera rivoluzione nel mondo dell’arte. Staccandosi da ogni carattere elitario, il movimento era espressione di un immaginario collettivo contemporaneo e si rivolgeva alle masse che vivevano immerse in quell’immaginario. Gli artisti si ispiravano a oggetti della realtà quotidiana e di consumo comune, e le opere diventavano esse stesse prodotti commerciali, spesso prodotte in serie. L’arte pop utilizza un linguaggio accattivante, il linguaggio è quello della pubblicità e della comunicazione pubblicitaria di massa, le immagini sono colorate, i toni ironici e giocosi. Come un prodotto ben confezionato, l’involucro rivela però un contenuto che può avere significati inaspettati e meno dolci di come appaiono. Il pop design, come la pop art, punta a un grande effetto visivo, e a un carattere non convenzionale, spiritoso, geometrico, dai colori vivaci e contrastanti, e alla portata di tutti.

00 - GROUND FLOOR

ALE JORDAO

Per questa occasione, l’artista presenta un’installazione, Disco Fucile, che rappresenta un modo irriverente di ascoltare la musica, specialmente nel mondo di oggi. Con la roulette russa, un colpo può essere un suono o un proiettile. Una canzone si ferma e una vita continua. Non essere il bersaglio e non smettere di ballare.

 

 

 

Disco Fucile

Scultura basato su pickup Technics, vinile specchio, scatola di legno ricoperta di acrilico
40 x 50 x H40 cm
Base H120 cm
2019

ALESSANDRA PIERELLI

Il lavoro di Alessandra Pierelli evidenzia i limiti della rappresentazione mutandone la scala (ingrandendola), oppure con nuove proposizioni segniche che agiscono sul significante e di conseguenza anche sul significato (per esempio il Cornetto Agita, in tutto e per tutto simile all’originale tranne per un refuso nel corrispettivo marchio.) Questo slittamento semantico è sufficiente per trasformare un’opera iperrealista in un’opera concettuale.

 

 

Cornetto Agita
Polistirolo e resina
70 x 50 x 30 cm
2018

KUDUGUDU by VARUN RANGA

Varun Ranga ha contribuito a sensibilizzare l’industria dell’abbigliamento e delle industrie indiane verso una eco-sostenibilità in tutta la filiera produttiva. Ha sostenuto con passione l’immensa bellezza e il potenziale dell’artigianato locale per l’industria e per i consumatori.

 

 

Zinnia Red,
Pilot Resort Collection

PABLO "PINXIT" COMPAGNUCCI

I quadri di Pinxit, soprattutto le composizioni floreali e la più recente stencil art, si staccano dall’incombenza della narrazione. L’opera stessa si fa mimesi dell’umano, specchio universale che ci rimanda la nostra immagine
come individui e come società.

 

 

be iconic
Stampa, stencil, spray e serigrafia su pvc
120 x 166 cm

ABC MANNEQUINS

Dal 1963, è un chiaro esempio di “Made in Italy”, nato dal matrimonio tra la più antica scuola di artigianato e il design più moderno. Un’esperienza ben radicata nella vendita al dettaglio unita alla sensibilità per la bellezza sono
sintetizzati nella collezione ABC, creando così vere opere d’arte, manichini con un’anima.

 

 

Collezione Asja

SILVIA MANAZZA

Nata a Roma nel 1957, dopo aver seguito il corso di Grafica e Pittura presso la Civica Scuola di Arti Visive di Pavia, Silvia Manazza si perfeziona al Centro dell’Immagine di Milano, con Mario Raciti e successivamente, visto il suo interesse per la scultura, frequenta il Laboratorio di Giuseppe Giannini a Pietrasanta dove apprende le tecniche del calco, necessarie per le fusioni in cera.

 

 

Vita da Cactus
Tecnica mista su stoffa: fodere di materassi, crine
vegetale, spaghi, ferro
Dimensioni variabili – installazione
2012

VIBRAZIONI ART-DESIGN

Ogni prodotto è espressione della filosofia VAD tra passato, presente e futuro: il sapere tradizionale e l’avanguardia vanno oltre la mera produzione di un pezzo e raccontano una storia sempre diversa attraverso sfumature, imperfezioni, combinazioni cromatiche. L’eccellenza artigianale è abbinata al recupero e a una ricerca continua: ferro e lamiera vengono sapientemente lavorati e trasformati nel rispetto delle qualità intrinseche dei materiali.

 

 

Sedia Mecedora

Sedia a dondolo realizzata con lamiera di bidone recuperata e bonificata. Interamente scatolata e saldata senza l’ausilio di strutture portanti interne

42 x 89 x 47 cm

2018

MASSIMO GIACON per SUPEREGO

Da più di 10 anni Massimo Giacon disegna anche sculture in ceramica a tiratura limitata per Superego. Sono ceramiche con qualche funzione? A volte si`, molto spesso no. A meno che queste ceramiche pop non siano dei feticci che con il loro aspetto bizzarro e un po’ inquietante non servano da ricettacolo per assorbire i nostri malesseri.

 

 

Kockoo Coquette
Ceramica
H68 cm
2009
In collaborazione con Superego

TOMOKO NAGAO

Nelle sue opere le forme appiattite e i contorni definiti, derivati dal linguaggio visivo del movimento artistico giapponese post-moderno Superflat, appaiono come una versione estrema dello stile dei vecchi maestri del Rinascimento, che lavoravano su principi simili.

 

 

Hokusai – The Great Wave of Kanagawa
wiht MC, CupNoodle, Kewpie, Kikkoman,
Mondadori and Hello Kitty
Stampa su plexiglass
124 x 88 cm
2014

MASSIMO SIRELLI

Writer, artista eclettico, poliedrico, Massimo Sirelli unisce la rabbia e l’istintività dei graffiti alla razionalità pulita della grafica. Una prospettiva
differente lo aiuta a filtrare l’operato dei grandi della pop art e dell’action painting, con una particolare attrazione verso l’arte contemporanea. L’inizio della sua carriera è determinato in giovane età dall’approccio ai graffiti.

 

 

Sauvage
Decollage, tecnica mista su tela
100 x 80 cm
2018

GUFRAM

Cactus è l’icona del design italiano che ha rivoluzionato il paesaggio domestico. Da quando è nato nasce nel 1972, questo totem ironico è realizzato e verniciato interamente a mano. Negli anni è stato declinato in diverse colorazioni per altrettante edizioni limitate esposte nei più importanti musei del mondo.

 

 

Cactus (iconical collection)
Design: Guido Drocco & Franco Mello
Appendiabiti a stelo in morbido poliuretano rifinito a mano in Guflac
70 x 70 x 170 cm
(1972) nuova edizione

ADRENALINA

Come una pietra scolpita dal vento, Roche plana da Venere con le sue forme armoniose e essenziali portando la bellezza impalpabile del
pianeta più luminoso del sistema solare. Costituito prevalentemente da lava pietrificata, Venere ispira una collezione che sembra plasmata dalle rocce con l’intenzione di stupire e accogliere in un caldo abbraccio chi è alla ricerca di una pausa di relax.

 

 

Roche
Fibra di dacron® 100 gr, poliuretano espanso indeformabile
di diverse densità, telaio in multistrato di legno, base in
legno di faggio verniciato, cinghie elastiche intrecciate
Poltrona 92 x 86 x H74,5/sH 40 cm
2019

01 - FIRST FLOOR

ANNA MUZI

Anna Muzi ha tenuto la sua prima personale nel 1998 presso la galleria Antonia Jannone di Milano. Le sue opere sono state esposte presso lo Spazio per l’Arte Contemporanea di Lugano, alla Stattbad Gallery di Berlino e al Museo de Bellas Artes, La havana Cuba.

 

 

Brown Sugar
Olio su tela
100 x 100 cm
2014

GIAN PIETRO BOMBARDELLI

Bombardelli trasforma la tela con la tecnica del collage, distruggendo lavori già esistenti,e aggiungendo energia, colore, inserimenti pop e incursioni verso l’astratto. Il risultato sono collage che evocano territori vergini e selvaggi, singolari angoli di mondo abitato da strane creature.

 

 

Wonderwoman cinofila
Tecnica mista e collage su tela
210×180 cm
2019

PAUL KETZ

Il lavoro di Paul Ketz non si limita a predicati come praticità o utilità. Marshmallow è un lucido sgabello in morbida schiuma rivestita, che sembra quasi troppo gustoso per sedersi. Ogni pezzo è unico: non è stato infatti utilizzato nessuno stampo per realizzare gli sgabelli Marshmallow.

 

 

Marshmallow stool
Acciaio, poliuretano
37 x 37 x H48/78 cm

DOMENICO PELLEGRINO

Domenico Pellegrino, in mostra anche con opere realizzate con le luminarie tipiche delle feste popolari siciliane, che diventano, attraverso l’azione dell’artista, il mezzo per parlare di temi contemporanei.

 

 

A-mori
Uomo e Donna luminaria e legno, pittura smalti acrilici
93 x 100 cm
2019

02 - SECOND FLOOR

FELIPE CARDENA

Felipe Cardeña artista “misterioso in stile Banksy”, come l’ha definito il Corriere della Sera, ha fatto della sua biografia picaresca e dell’ambiguità che la circonda un’operazione artistica e performativa. il suo lavoro, che verte su temi quali la molteplicità dell’identità nell’era del web, il rapporto tra vero, verosimile e falso, l’incapacità dell’informazione di trovare una verità oggettiva, il gioco dei rimandi tra vita vissuta e invenzione letteraria e artistica.

 

 

Little Memesis
Collage su tela
40 x 40 cm
2016

DOMENICO PELLEGRINO

Dettagli iconografici, innesti decorativi, appositamente esasperati o rivisti, sono gli elementi connotativi del lavoro di Domenico Pellegrino, artista siciliano che ha fatto delle tradizioni popolari il suo marchio, riconosciuto a livello internazionale. Le sculture di Pellegrino sono guerrieri o salvatori di un presente reale pieno di pericoli e insidie: un’ironica trasposizione da quel mondo di carta, di plastica o di celluloide da cui i nostri eroi sono stati partoriti.

 

 

Spiderman/Apollo
Scultura, stucco policromo, acrilico, pittura a olio
150 x 150 x H160 cm
2019

03 - THIRD FLOOR

SILVIA MANAZZA

La vera “folgorazione” di Silvia Manazza avviene quando, trovatasi casualmente in un vecchio collegio in disuso, con centinaia di materassi abbandonati e pronti per essere eliminati, viene presa dal desiderio di ridare loro un destino diverso. Da quel momento comincia a ricucire le tele “sdrucite”, ad imbottirle di crine e, con ironia, a ricreare oggetti del quotidiano, narrando nuove storie ed invitando tutti a lasciarsi andare.

 

 

Peppa Pia
Tecnica mista su stoffa: fodere di materassi, crine vegetale, spaghi, ferro
Dimensioni variabili – installazione
2016

04 - FOURTH FLOOR

MASSIMO GIACON

Nato a Padova nel 1961, Massimo Giacon lavora a Milano sospeso tra le sue diverse attività di fumettista, illustratore, designer, artista e musicista. Animale-Vegetale-Minerale, realizzato per questa esposizione, è una delle sue tante opere concentrate e ambiziose, dove chi disegna ha la presunzione di ridisegnare il mondo.

 

 

Animale-Vegetale-Minerale
Acrilico su tela
100 x 100 cm (x3)
2019

ALESSANDRA PIERELLI

Il POP FOOD è uno degli elementi della Pop Art. “Il mio lavoro dice Alessandra Pierelli , oltre che materico, è anche concettuale e aderisce, come nella migliore tradizione Pop, al contesto rappresentato, quello ludico dei dolciumi e delle caramelle.”

 

 

Pink Donut
Polistirolo e resina
70 x 70 x 20 cm
2018

DOWNLOAD PREVIOUS EXHIBITIONS’ CATALOGUE

16/05/2019 – 31/10/2019

06/11/2018 – 31/03/2019

CONTACT

nhow MILAN
Via Tortona 35
20144 – Milano
+39 024898861

 

Check In

 

Check Out

 

2 adulti. 0 bambini. 0 neonati. / 1 camera.